Fondatori del Goju ryu - Miyagi -

CHOJUN MIYAGI (1888—1953) città di Naha, Okinawa—Giappone .

All’età di 14 anni iniziò a praticare il Naha Te del maestro HIGAONNA . La  Scuola di HIGAONNA
era estremamente severa, ma MIYAGI era uno studente  così entusiasta , che in pochi anni diviene
l’allievo preferito dal maestro. Nel 1915 con il permesso del suo maestro  MIYAGI si recò a Fuzhou,
con l’intento di fare lo stesso percorso di HIGAONNA, ma in Cina tutto era cambiato, i grandi 
disordini politici che stavano avvenendo (Rivolta dei Boxer 1899/1901 e Prima Rivoluzione Cinese
1911/1912) avevano spinto molti maestri ad emigrare in Singapore o Filippine e se questi erano 
tornati, vivevano in segretezza. Nel suo percorso di ricerca delle origini, MIYAGI fece un secondo
viaggio in Cina, nel 1917.  Al rientro dal suo primo viaggio  il suo maestro morì.  MIYAGI era 
l’allievo con la migliore preparazione, per cui, gli altri praticanti chiesero lui di prendere il
posto dello scomparso HIGAONNA. Durante gli anni’20 l’interesse del governo Giapponese, di riproporre 
le arti marziali come forma di educazione fisica di massa, diede l’opportunità a molti maestri di
diffondere i loro sistemi.   MIYAGI intuì che in questo particolare contesto, c’era una opportunità 
di far conoscere il karate fuori dai confini di Okinawa. Con queste finalità, nel 1927 MIYAGI fondò
un’associazione chiamata “Associazione per la ricerca sul Karate”. Aderirono a questa associazione i
migliori maestri di Okinawa. Il loro obiettivo erano la ricerca dei contenuti più profondi  nel Karate
e lo sviluppo fisico e morale dei praticanti. Da questo momento in poi la fama del maestro MIYAGI crebbe
continuamente, fino ad arrivare ad essere invitato nel 1930  in Giapponea a dimostrare la sua arte  
Durante  una di queste presentazioni, nacque il nome GOJU RYU.  Nel 1938 MIYAGI fù nominato a capo del
Collegio dei maestri di karate di Okinawa. Nel 1940 ebbe inizio il tragico periodo della guerra nel
pacifico, che coinvolse l’isola di Okinawa  (aprile-giugno 1944) in una devastante battaglia costata 
la vita a  oltre 150.000 civili e la totale devastazione degli insediamenti abitativi. MIYAGI perse tre
figli, molti parenti e allievi. La maggior parte dei documenti e della antica letteratura riguardante 
le  arti marziali da lui conservati andò distrutta. In questi anni bui il maestro sospese gli insegnamenti.
Nel 1945 il Giappone si arrese e Okinawa passò sotto il controllo degli U.S.A. Con la fine della guerra e 
la ripresa verso la normalità il maesto MIYAGI fu nominato istruttore della polizia di Okinawa e continuò 
ad insegnare nel Dojo di casa sua fino alla sua morte avvenuta nel 1953 all’età di 65 anni. La spinta allo
sviluppo del karate da parte del maestro MIYAGI fù epocale, e dopo la sua morte molti suoi allievi continuarono
la sua missione.  MIYAGI aggiunse ai kata tramandati da HIGAHONNA altri tre kata: - Geki sai I e Geki sai II,
forme di base indirizzate ai principianti,  e Tensho che lui stesso acquisì durante la sua permaneza a Fuzhou; 
inoltre rivisitò il Sanchin, proponendolo con la variante di tre passi in avanti e due all’indietro. 
I migliori allievi che frequentavano il Dojo del maestro furono: SEIKO HIGA (1898-1966),- MEITOKU YAGI (1912-2003), 
EI’ICHI MIYAZATO (1921-1999) il quale divenne il successore del maestro MIYAGI. Un altro allievo  JIHAN SHINZATO 
(1901 –1945) morto durante la battaglia di Okinawa, molto famoso per la sua bravura, è ancora oggi ricordato 
con un piccolo altare nel Dojo del maestro MIYAZATO.

CLICCA QUI PER SCOPRI PERCHE' PRATICARE IL GOJU RYU

CONDIVIDI